The Open UniversitySkip to content
 

Slow Food: Una storia tra politica e piacere

Andrews, Geoff (2010). Slow Food: Una storia tra politica e piacere. Intersezioni. Bologna, Italy: Il Mulino.

URL: https://www.mulino.it/isbn/9788815137074
Google Scholar: Look up in Google Scholar

Abstract

Sorto nel triangolo che tocca Bra, Alba e Barolo (memorabile il grido di battaglia "Il barolo è democratico, o quanto meno può diventarlo!"), in quelle stesse Langhe dove nel 1986 (l'anno di Chernobyl) morirono 19 persone per aver bevuto vino al metanolo, Slow Food conta oggi oltre 100.000 sostenitori in 132 paesi, con sedi sulle colline del Wisconsin o in Senegal. Come ha fatto questo movimento, nato ai margini della sinistra italiana per impulso di Carlo Petrini - in zona Arci e "Manifesto", mentre imperversavano "Milano da bere" e Reaganomics - a mettere radici in paesi con tradizioni e culture tanto diverse come gli Stati Uniti, la Germania, la Romania post-comunista, il Messico? Come ha conquistato ristoratori e intellettuali metropolitani, contadini e no-global, gastronomi autodidatti e chef professionisti, attirando contemporaneamente i consumatori edonisti del primo mondo e gli agricoltori diseredati del terzo? Le risposte stanno forse nella capacità di offrire - con il richiamo alla genuinità, ma anche al piacere del cibo - un'alternativa credibile alla globalizzazione della "fast life".

Item Type: Book
Copyright Holders: 2008 The Author
ISBN: 88-15-13707-6, 978-88-15-13707-4
Extra Information: Italian translation of The Slow Food Story: Politics and Pleasure. London: Pluto Press, 2008
Academic Unit/School: Faculty of Arts and Social Sciences (FASS) > Social Sciences and Global Studies
Faculty of Arts and Social Sciences (FASS)
Item ID: 48311
Depositing User: Geoff Andrews
Date Deposited: 01 Feb 2017 14:24
Last Modified: 06 Aug 2019 08:49
URI: http://oro.open.ac.uk/id/eprint/48311
Share this page:

Actions (login may be required)

Policies | Disclaimer

© The Open University   contact the OU